Tartufo Bianco Arabo del deserto del Kuwait meno prestigioso del Bianco Italiano.

Kuwait City: bianco o beige, ma mai nero, il "tartufo del deserto" è una rara prelibatezza con un mercato dedicato in Kuwait, dove i resti dell'invasione irachena e il cambiamento delle condizioni meteorologiche hanno decimato la produzione locale.
Meno prestigioso e meno costoso del cugino più scuro, il tartufo mediorientale è un ingrediente pregiato per i beduini, che lo integrano nei loro piatti tradizionali di riso e carne o in salse, bollite con le cipolle.

Alla periferia di Madinat al-Kuwait, nel distretto industriale della Rai, alle 9 del mattino gli intenditori iniziano a sfogliare il suk del tartufo, rilevandone i vari pesi e colori e selezionando con il naso il fungo migliore dall'olfatto.
Il tartufo nel distretto industriale Rai.

Alcuni barattano mentre altri vanno dritti al ripiano più alto, con la varietà "Zebidi" particolarmente apprezzata per il suo utilizzo nelle ricette tradizionali.

La domanda è così alta nel mercato dell'emirato del Golfo che ogni anno centinaia di commercianti competono per uno spazio limitato nelle bancarelle durante i mesi invernali più freddi.

Il mercato è stato ideato dal comune di Al Rai, una zona industriale appena a nord-ovest di Kuwait City, che sovrintende al controllo qualità e garantisce la tracciabilità del fungo.

"Abbiamo deciso di costruire questo mercato nel 2006 per organizzare le vendite di questo prodotto, che si trovava in tutti i tipi di angoli del Kuwait", ha affermato Faisal Al Jomaa, vice governatore di Kuwait City.

Quest'anno, ha detto, 520 commercianti hanno presentato domanda per una delle bancarelle di nove metri quadrati (97 piedi quadrati). Solo 123 fornitori si sono assicurati lo spazio.

Uno di loro era l'iraniano Abdel Ali Said, che compra e vende tartufi dagli anni '60.

"Provengono da Iran, Arabia Saudita, Marocco, Tunisia, Libia e oltre", ha detto della sua selezione di tartufi.
I prezzi variano da sette a 20 dinari kuwaitiani (Dh244,72) per chilogrammo a seconda della qualità, secondo Said.

Quest'anno, secondo quanto riferito, il mercato è inondato di tartufi provenienti dalla Libia.

"Succede ogni sei anni", ha detto il commerciante kuwaitiano Mohammad Al Shammari un giorno recente al mercato del tartufo. "La produzione è ciclica. Anche quest'anno arriva molto dalla Tunisia".

Per dimostrare quanto siano popolari i tartufi tra i kuwaitiani, Shammari ha sottolineato che "da tre a quattro tonnellate vengono importate ogni giorno e vendute fresche".

Ma nonostante tutto il suo amore per i tartufi, la coltivazione commerciale e la raccolta del fungo del Kuwait è crollata a zero da quando l'Iraq ha invaso l'emirato nel 1990.

Il rischio di imbattersi in una mina inesplosa lasciata dall'esercito iracheno impedisce ai kuwaitiani di esplorare il deserto alla ricerca di tartufi selvatici.

L'unica produzione rimasta è prettamente per il consumo personale.

Anche le colture di tartufo del Kuwait sono state colpite da un ambiente in evoluzione.

A differenza dei tartufi europei, che crescono sotto le radici degli alberi, i tartufi del deserto spuntano dopo la pioggia, il che significa che il volume e la qualità variano a seconda della quantità di precipitazioni e del clima generale.

"Le precipitazioni irregolari, la rapida urbanizzazione e l'invasione del deserto sono tutti fattori nella scomparsa dei tartufi (locali)", ha spiegato il vice governatore Jomaa.

Ciò ha solo accresciuto il desiderio per la prelibatezza, in particolare per la preparazione del Kabsa, una specialità di riso speziata comune in tutto il Golfo e il piatto più popolare in Kuwait.

Gli ingredienti principali sono riso a chicco lungo, carne rossa e tartufo, utilizzato per insaporire il brodo durante la cottura.

"Il Kuwait è dipendente dai tartufi perché sono rari e hanno un gusto così distinto", ha affermato Yousuf Mohammad Al Khalid, un giovane appassionato di tartufi, che afferma di poter distinguere tra varie sottovarietà.

Khalid ha detto che spende fino a 3.000 dinari kuwaitiani ogni anno per il tartufo bianco, che incorpora nella sua dieta due volte a settimana, compresi i pranzi di famiglia il giovedì, l'ultimo giorno della settimana lavorativa.

I tartufi freschi sono disponibili solo da novembre ad aprile in Kuwait, ma alcuni venditori vendono una variazione essiccata della prelibatezza durante i torridi mesi estivi della regione nel tentativo di soddisfare le voglie dei loro clienti tutto l'anno.

Shop now

You can use this element to add a quote, content...